Al testo

Gestione delle informazioni personali

Questo sito Web (di seguito denominato "questo sito") utilizza tecnologie come cookie e tag allo scopo di migliorare l'utilizzo di questo sito da parte dei clienti, pubblicità basata sulla cronologia degli accessi, cogliere lo stato di utilizzo di questo sito, ecc. . Facendo clic sul pulsante "Accetto" o su questo sito, acconsenti all'uso dei cookie per le finalità sopra indicate e alla condivisione dei tuoi dati con i nostri partner e appaltatori.Per quanto riguarda il trattamento dei dati personaliInformativa sulla privacy dell'Associazione per la promozione culturale Ota WardSi prega di fare riferimento a.

Sono d'accordo

Informazioni sulle prestazioni

Performance sponsorizzata dall'associazione

Mostra di capolavori "Uno sguardo al dipinto giapponese di Ryuko su una nuova spada"

 Ryuko Kawabata (1885-1966), pittore giapponese, inizialmente dipinse dipinti ad olio con l'obiettivo di diventare un pittore occidentale. Una svolta arriva all'età di 28 anni, si rivolge a un pittore giapponese e sulla trentina inizia a partecipare attivamente al Revival Nihon Bijutsuin (mostra dell'istituto).Sullo sfondo dello spirito libero dell'era Taisho, Ryuko ha continuato a presentare dipinti giapponesi con una forte consapevolezza delle espressioni in stile occidentale.Successivamente, quando fondò il suo gruppo artistico, Seiryusha, all'inizio del periodo Showa, sostenne l'"arte dei luoghi" e Ryuko annunciò uno dopo l'altro capolavori che ruppero il senso comune della pittura giapponese.Ryuko ha continuato a produrre dipinti giapponesi fondendo le caratteristiche delle espressioni in stile occidentale con i dipinti giapponesi, dicendo: "Non dovrebbe esserci distinzione tra i cosiddetti dipinti giapponesi, i cosiddetti dipinti occidentali in Giappone", anche nel campo della pittura chiamato Fuunji.D'altra parte, dopo la guerra, Ryuko sfidò anche il classico metodo di disegno basato sull'inchiostro. Alla 30a Biennale di Venezia del 1958 (Showa 33), mentre si prestava attenzione al tipo di lavoro che Ryuko avrebbe prodotto all'esposizione internazionale, una serie di opere raffiguranti statue buddiste a casa con inchiostro sanguinante, "Sono un tempio buddista. Era annunciato.
 In questo modo, Ryuko ha creato il proprio stile cambiando sottilmente il metodo di espressione di volta in volta.In questa mostra, dipinti ad olio "Girasole" (tardo periodo Meiji), comprese opere che erano consapevoli delle espressioni in stile occidentale come "Raigo" (1957), "Hanabukiun" (1940) e "Uva di montagna" (1933). Attraverso mostre come "Sat" (1919), "Betger" (1923) e "Goga Mochibutsudo" (1958), una serie di opere esposte alla Biennale di Venezia, diventa "new on the top". Ci avvicineremo allo sguardo di Ryuko della pittura giapponese, che afferma che esiste un modo per sfruttare al meglio la tradizione.

Eventi correlati

"Concerto del Museo del Vento Kaoru" * L'applicazione è chiusa
Data e ora: venerdì 4 maggio 5° anno di Reiwa 13:18-30:19
Performance: Triton String Quartet (pianificato dalla Omori Chamber Music Lovers Association)
Luogo d'incontro: Sala espositiva Ryuko Memorial Hall

Sforzi per quanto riguarda la nuova infezione da coronavirus (controllare prima di visitare)

4 aprile (sabato) -4 aprile (domenica), 23 ° anno di Reiwa

Programma Dalle 9:00 alle 16:30 (ingresso fino alle 16:00)
Punto d'incontro Ryuko Memorial Hall 
ジ ャ ン ル Fiere / Eventi

Informazioni sui biglietti

Prezzo (tasse incluse)

Adulti (dai 16 anni in su): 200 yen Studenti delle scuole elementari e medie (dai 6 anni in su): 100 yen
* Gratuito per bambini in età prescolare di età pari o superiore a 65 anni (certificazione richiesta).

Attori / dettagli del lavoro

Ryuko Kawabata "Uva di montagna" 1933, Collezione del Museo commemorativo di Ota Ward Ryuko
Kawabata Ryuko "Raigo" 1957, Collezione del Museo commemorativo di Ota Ward Ryuko
Ryuko Kawabata << Nuvola che raccoglie fiori >> 1940, Collezione Ota Ward Ryuko Memorial Museum
Kawabata Ryuko "Sab" 1919, Collezione del Museo commemorativo di Ota Ward Ryuko
Ryuko Kawabata "The Gambler" 1923, Collezione Ota Ward Ryuko Memorial Museum
Dalla serie di Kawabata Ryuko "Go ga Mochi Buddha Hall" "Eleven-faced Kannon" 1958, Ota Ward Ryuko Memorial Museum Collection